psicologa Imperia - tel. 333 2953152 - email: lindadani-ld@gmail.com

La psicoterapia cognitivo comportamentale: cos’è e perché è efficace

Tutti noi talvolta sperimentiamo emozioni intense e poco piacevoli quali la rabbia, la tristezza, l’ansia o la vergogna. É un aspetto normale della vita e spesso utile in quanto il nostro stato emotivo aiuta a prendere decisioni in situazioni importanti o pericolose.

Il problema nasce quando le emozioni sono eccessivamente intense o durano troppo a lungo e finiscono per influenzare pesantemente la qualità della vita, le relazioni con gli altri, l’ambito lavorativo/scolastico. In questi casi è importante non spaventarsi o aspettare che la situazione si sistemi da sola, ma conviene chiedere un aiuto professionale.

La psicoterapia cognitivo comportamentale viene considerata a livello internazionale uno dei più validi modelli per la comprensione ed il trattamento dei disturbi psicologici.

Questa forma di psicoterapia, appoggiandosi ai risultato della ricerca scientifica, sottolinea la stretta e complessa relazione tra emozioni, pensieri e comportamenti. Agire sui pensieri e sui comportamenti, quindi, risulta efficace per risolvere molti problemi di natura psicologica.

Ecco le principali caratteristiche differenziano la psicoterapia cognitivo comportamentale da altri approcci terapeutici:

  • A breve termine: Molte persone credono che il lavoro psicologico richieda anni e più sedute a settimana. Quest’idea non corrisponde assolutamente al “modus operandi” della psicoterapia cognitivo comportamentale. Al contrario, il percorso terapeutico di solito si conclude in un periodo di tempo limitato.
  • Centrata sul “qui e ora”: A differenza di altri tipi di psicoterapia, viene data massima importanza al problema attuale. L’esplorazione del passato è limitata e finalizzata a individuare i fattori che hanno contribuito all’emergere del disagio ed a comprendere come alcune esperienze abbiano influenzato il nostro modo di pensare ed agire.
  • Attiva e collaborativa: Cliente e psicologo lavorano insieme per capire quali elementi mantengono in vita il problema e per cercare il modo migliore di risolvere il problema: il clinico mette a disposizione la propria conoscenza ed insegna i metodi per gestire le difficoltà. Il cliente si impegna a riflettere e dare informazioni su di sè per “cucire su misura” l’intervento ed a mettere in pratica le strategie apprese durante la seduta. Alla fine, grazie alle abilità e strategie imparate, la persona può gestire vecchi e nuovi problemi in autonomia.
  • Scientificamente provata: Esistono molti tipi di terapie per trattare i disturbi psicologici. Tuttavia poche di esse sono sottoposte alla sperimentazione sientifica.

I modelli di intervento usati nella psicoterapia cognitivo comportamentale sono stati valutati con i severi criteri utilizzati nel campo della medicina e si sono rivelati efficaci per il trattamento di molti disturbi psicologici, tra cui:

  • ansia generalizzata, fobie, agorafobia,
  • attacchi di panico
  • depressione
  • disturbo bipolare
  • disturbo ossessivo compulsivo
  • disturbi da sintomi somatici
  • disturbi del sonno
  • disturbi sessuali
  • problemi di coppia
  • disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, disturbo da alimentazione incontrollata)
  • abuso e dipendenza da sostanze (alcool, droghe, tabacco)
  • disturbi di personalità
  • disturbi tipici dell’infanzia (enuresi, disturbi d’ansia da separazione,fobia scolastica, disturbo da deficit di attenzione, problemi di comportamento)

Inoltre, molti metodi educativi efficaci sono basati su modelli e tecniche cognitivo comportamentali specificatamente sviluppati per l’età evolutiva

CONDIVIDI

Vuoi commentare l'articolo?